Controllo mentale e tortura elettronica

CONTROLLO MENTALE  –  Messaggi Subliminali
Genetica, condizionamenti subliminali, archivi digitali.
Il criminologo Gene Stephens avverte: privacy in pericolo, non esiste piu’ !

La Tortura nel mondo vedi il sito di Craig Murray : http://www.craigmurray.co.uk
FILM interessantissimo da visionare:  http://video.google.it/videoplay?docid=4684006660448941414
I Veri Pirati = Banchieri, BancheMultinazionali

L’attuale creazione di denaro dal nulla operata dal sistema bancario è identica alla creazione di moneta da parte di falsari.
La sola differenza è che sono diversi coloro che ne traggono profitto
“. (By Maurice Allais, premio Nobel per l’economia)

Comunque la SOLUZIONE a TUTTI i PROBLEMI del MONDO e’ GIA’ QUI – vedi: Padroni del mondo, e’ finita per voi !
 SOVRANITA’ INDIVIDUALE (Dichiarazione)
Negli USA l’agenzia (privata) di riscossione delle Tasse, non paga le Tasse ed e’ in mano ai soliti Criminali !
Come l’Europa “moderna” si e’ formata ? vedi qui:
http://nexusedizioni.it/it/CT/esoterismo-e-politica-le-origini-segrete-delleuropa-unita-4368


Controllo mentale e tortura elettronica – 
vedi anche: Messaggi Subliminali

Sembra fantascienza, ma con ogni probabilità si tratta di avvenimenti reali. Il fenomeno è di quelli che dovrebbe sconvolgere chiunque, ma invece non fa affatto “notizia”: ci sono nel mondo, in migliaia di casi negli Stati Uniti, e in Italia, persone che sostengono di subire tortura tecnologica. In altre parole essi denunciano di subire degli attacchi a distanza, di sentire voci e di essere influenzati nella loro vita quotidiana. Le persone o agenti che praticano questi atti, lavorando in gruppo, sono chiamati stalker, termine utilizzato in numerosi siti negli Stati Uniti, che propagandano queste “attività” nelle quali sarebbero coinvolti anche minorenni..
Sono dei pazzi coloro che denunciano di essere vittime di questi strumenti ? Noi crediamo di no e stiamo lavorando a questo dossier per dargli, almeno, lo spazio che altrove non hanno trovato e per veicolare le loro ragioni.

I progetti CIA e le ammissioni di Clinton
Cominciamo col dire che è ormai “pubblicamente noto” (le virgolette sottolineano la ristrettezza del pubblico) che, dopo gli esperimenti particolari su esseri umani nei campi di concentramento nazisti, dagli anni ’40 la CIA e anche il Kgb hanno iniziato esperimenti di controllo mentale via radio, e dagli anni ’80 la CIA ha dato vita ad un progetto relativo ad MK-Ultra che sperimenta la possibilità di controllo celebrale, con microspie sottocutanee, su animali ed esseri umani. Per altro la CIA ha assunto numerosi nazisti subito dopo la seconda guerra mondiale.
Il Congresso americano, nel 1972 e nel ’74, ha iniziato a ricevere proposte di utilizzo del controllo mentale su larga scala con sistemi sottocutanei, in particolare da Burton e José Delgado, che oggi vive in Spagna. A Milano inoltre sarebbe transitato nel 1974 il notissimo criminale di guerra Mengele, all’epoca ancora vivo.
I primi detenuti a fare da cavia per questi esperimenti ufficialmente si sostiene siano stati sottoposti a queste ricerche dal 1990, in realtà parrebbe che già dall’inizio degli anni ’80 ciò fosse già attuato.
Si parla di esperimenti iniziati in Svezia alla metà degli anni ’80 e negli Stati Uniti tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90. A ciò ha dato spazio anche la tv, sia pure raramente, con i programmi Stargate del 4-5-2003 su LA7 e La storia siamo noi del 14-12-2003 su RAI3; in particolare la prima trasmissione ha parlato dell’uso di questi strumenti sul nazista americano responsabile della strage di Okhlaoma, McVeigh, mentre nella seconda si è parlato anche del trattamento cui fu sottoposta Patricia Hearst, figlia di un miliardario americano, sequestrata, dai “simbionisti”.
Non solo: l’ex presidente degli Stati Uniti d’America Clinton, nel 1995, dopo le proteste del Comitato dei sopravvissuti degli esperimenti di controllo mentale su esseri umani ha chiesto pubblicamente scusa al paese ed alle vittime di questi esperimenti, affermando che non se ne sarebbe più fatto uso.
Ma Dorigo in un’intervista al Corriere Romagna del 14 aprile 2006 riferisce che da sue fonti ha appreso che a Torino, alcuni fisiopatologi sarebbero andati a fare questi esperimenti negli USA su detenuti sin dal 1995, riferendone agli studenti.
Tuttavia nonostante si interessino ai detenuti americani, Nessuno tocchi Caino, associazione gestita dai Radicali ove lavorano terroristi neri in semilibertà, non ha mai prodotto alcuna documentazione su queste cose.

Alcuni testi di approfondimento:
Tra i dossier di approfondimento segnaliamo la Controinchiesta di Paolo Dorigo – www.paolodorigo.it/index-links1.htm – e quello dell’Agenzia Ricerca Economico Sociale – A.R.E.S. http://www.ares2000.net/ –  dell’ottobre 2005.

I carceri, i manicomi e la psichiatria ne risultano il laboratorio di questi esperimenti, la società civile il punto di arrivo e servizi segreti carcerari la base operativa. Un interessante lavoro è stato pubblicato dall’“Associazione italiana, scientifica e giuridica, contro gli abusi mentali, fisici e tecnologici” (Aisjca): nel sito www.aisjca-mft.org è pubblicato e continuamente aggiornato il libro It’s Abuse NOT Science Fiction, edito dalla Libreria Editrice Cortina Torino, in cui si raccolgono storie internazionali di abusi tecnologici. Consigliamo di leggere anche la ricerca di Romano Nobile, appunto di ARES2000, La tortura nel bel paese, per le Edizioni Malatempora.
Gli esperimenti della CIA e il progresso della tecnologia testimoniano la concreta possibilità del fenomeno, ovvero che nel terzo millennio ci sono scienziati che sono in grado di influenzare l’attività delle cellule nervose. Si pensi come esempio agli episodi di protesi dentali e chip che, una volta impiantati negli arti ne ordinano il movimento a computer.
Negli USA sono in fase di sperimentazione dei chip neurali su persone paralitiche, grandi circa 2mm, in grado di recepire segnali elettronici ed inviarli al computer che li traduce. Un altro esempio è rappresentato dagli esperimenti del prof. Warwick, inglese, il quale si è volontariamente sottoposto 2 volte insieme alla moglie, all’impianto di chip per comandare a distanza le cose ed effettua esperimenti che dovrebbero portare, secondo lui, alla telepatia elettronica entro il 2012, mentre quanto denunciano le vittime porta a pensare che queste forme, anche in forma passiva e non eludibile, esistano già.
L’aspetto anche sessuale e di coppia di questi trattamenti è testimoniato dal libro cult della letteratura in materia, O’Brien – Phillips, Trance formation of America, Macroedizioni, in cui, come in Garage Olimpo, .la torturata va in sposa al torturatore (argentino in questo caso, della CIA in Trance …).
Tra i testi da segnalare, Marco Costa, Psicologia militare, Franco Angeli; i manuali sulla PNL; Andrea Moro, I confini di Babele, Longanesi; Bottaccioli, Psiconeuroimmunologia, Edizioni Red !; i libri sulla vivisezione; alcuni titoli della Shake edizioni e la rivista cyber italiana Decoder; Hyland, I segreti perduti della tecnologia nazista, Newton & Compton editori; Offeddu, Il potere del domani, Council finance group; Nel cinema, qui vicino alla realtà più di quanto non si creda, i film da citare sono numerosi, tra questi indichiamo Matrix, Mission impossibile 2, Frequency (consigliato a Dorigo dal direttore del carcere di Spoleto !), Minority report, The Manchurian candidate, Bait-L’esca, Hypnosis, The final cult, Nirvana, Brubacker, Farenheit 451, Sorvegliato speciale, ed un terribile film di Frankenheimer sulla sostituzione di persona, Operazione diabolica; inoltre gli articoli contenuti nella Rassegna scientifica AVae-m ed in altri siti specializzati.
Per quanto riguarda il teatro, vi sono alcuni spettacoli minori, mentre l’AVae-m sta mettendo in cantiere 48 ore di due torturati.

Controllo mentale diretto, subliminale e primario
Marcello Panio, autore anche del sito disinfornazione.it, nel suo libro “Il lato oscuro del nuovo ordine mondiale”, Macroedizioni, ha dedicato un intero capitolo al fenomeno del controllo mentale (cfr. capitolo 10) in cui divide il fenomeno in controllo mentale diretto, controllo mentale subliminale, controllo mentale primario: il diretto è il tipo di controllo “classico”, quello di cui parliamo nella gran parte di questo dossier, provocato da MK-Ultra, ma anche da farmaci come il ritalin usato nelle scuole USA per controllare i bambini troppo distratti o/e vivaci; il controllo subliminale avverrebbe tramite l’uso di elettrodomestici per uso commerciale, come la TV e il computer in particolare, dove è ormai nota la diffusione di pubblicità e siti internet con spot subliminali che illegalmente mandano messaggi particolari, invisibili dagli occhi, ma percepiti dal cervello che influenzano le operazioni dell’intelletto; il controllo mentale primario si attuerebbe tramite la contaminazione di acqua ed alimentari con sostanze tossiche che indebolirebbero le capacità di reazione dell’organismo, una di queste sostanze è il fluoro, diffusa in alimentari e dentifrici, secondo Panio era già noto ai nazisti che ripetute dosi di fluoro contribuiscono alla spersonalizzazione dell’individuo.

Marcello Panio afferma anche che la NSA, agenzia di controspionaggio USA, avrebbe delle attrezzature in grado di controllare le emissioni bio-elettriche del cervello.
Se fosse vero che chiunque può subire interferenza cerebrale con armi della NSA, allora la Corte di Norimberga dovrebbe essere riaperta subito per tutti i dirigenti responsabili negli Stati Uniti, di queste armi, la NATO sciolta, le forze multinazionali rimandate a casa. Come mai nessuno ne parla, allora, mentre tantissimi protestano contro le guerre mosse dalle stesse compagini ?

Nel presente dossier non approfondiremo particolarmente comunque il tema di forme di controllo mentale indirette, in quanto ci interessa in particolare denunciare quelle forme violente di tortura tecnologica tese a colpire un singolo individuo, sono le torture meno conosciute, genericamente giudicate come fantascientifiche, pertanto è su di esse che preferiamo porre la nostra attenzione.
In ogni caso, la provata presenza quotidiana di forme subdole e implicite di influenza e controllo mentale resta certamente una problematica degna di rilievo. Ancor di più questo vale nella nostra società moderna, post e super-industriale, dove la psichiatria, la pubblicità, la contaminazione alimentare sono elementi onnipresenti nella nostra vita.

I risultati degli esperimenti su 8 detenuti messicani in un documento segreto dell’IBM
Alfredo Lissoni nel suo libro Nuovo ordine mondiale (Edizioni Segno) cita il sito www.theendofline.org, in cui verrebbe riportato un documento dell’IBM riguardante l’impianto di sonde su prigionieri messicani. Il documento viene presentato come assolutamente riservato, di livello sicurezza 9. Il tempo impiegato per la realizzazione dell’intervento, secondo tale segretissimo documento, sarebbe di 60-90 minuti, ma le speranze dei tecnici sarebbero indirizzate nel ridurre in futuro questo tempo anche del 60%.

Questi alcuni dei risultati ottenuti, sempre secondo il documento citato da Lissoni nel suo libro, su 8 cavie umane:

– monitoraggio completo dei comportamenti

– sonno in stadio di letargo per un tempo di almeno 18 ore al giorno

– i detenuti-cavie rifiutano volontariamente la ricreazione e gli esercizi ginnici

– i detenuti-cavie se provocati non reagiscono o risultano meno aggressivi (finché non se ne accorgono, poi avviene il contrario)

– nessuna cavia si è accorta di nulla di quanto gli era accaduto

Anche Lissoni, come Panio, parla di strumenti in possesso dell’NSA in grado di controllare le emissioni bio-elettriche del cervello. Queste forme di intercettazione a distanza avrebbero indotto nei soggetti vittime di questi abusi, impressioni visive che trapassano gli occhi e sensazioni di essere toccati da fantasmi.

Le ammissioni di un tenente colonnello della guardia di finanza e di un giornalista consulente dello Stato Maggiore dell’esercito
Nel libro Le nuove guerre, pubblicato nel 2001 dalle edizione Rizzoli – BUR, due illustri personaggi dello stato come Rapetto e Di Nunzio (il primo tenente colonnello della Guardia di Finanza comandante del gruppo anticrimine e tecnologico, il secondo noto giornalista, capo ufficio stampa della BNL, consulente delle strategie di comunicazione dello Stato Maggiore dell’esercito) ammettono l’esistenza del controllo mentale. Il capitolo 10 del loro testo militarista si intitola proprio il cervello nel mirino, in particolare si parla di metodi di disinformazione del nemico tramite armi indirizzate alla manipolazione delle opinioni, ma si parla anche direttamente di controllo mentale con un elenco di strategie (dall’intervento nell’ambito sociale, all’indebolimento della persona tramite farmaci, assenza di sonno e cibo, ecc) finalizzate al lavaggio del cervello dell’individuo. Vengono inoltre citate alcune presunte attività di controllo mentale dell’agenzia militare statunitense NSA tramite l’utilizzo di microspie.

Rapetto non è proprio un anonimo personaggio, come ai molti risulterà. Egli viene citato anche nel libro Beat genetation di Mario Bolognani (Editori Riuniti). L’autore fa pensare che Rapetto costituisse una cellula dei servizi segreti insediata nell’AIPA ( l’authority per l’informatica). Rapetto sembrava alla ricerca di prove contro il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. Il tutto assume un sapore drammatico con la scenografica morte del consulente di Rapetto, il noto informatico Michele Landi, ufficialmente suicida, ma anche con la lunga catena di suicidi e di morti improvvise in particolare di numerosi membri dell’Arma dei carabinieri, dei servizi segreti e della polizia penitenziaria e dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, specie nel 2002-2003 ma anche dopo.

Ma che interesse avrebbero Rapetto e Di Nunzio, alti esponenti dello stato nel diffondere certe notizie? Marco Sacchi, che ci ha fornito le informazioni su questo e su altri paragrafi, ricorda che il libro di Rapetto e Dinunzio non è affatto facile da trovare, scomparso dalle librerie italiane da diversi anni ormai. L’ipotesi è che queste pubblicazioni abbiano dei fini ricattatori, un modo per ricordare allo stato o a qualche losco personaggio quanto si potrebbe, se lo si desiderasse, far emergere sul proprio conto.

Un’ipotesi affatto priva di fondamento
L’ipotesi che questi strumenti super sofisticati possano essere usati per controllare il pensiero non è dunque affatto priva di fondamento. Inoltre qualora non si creasse un’attenzione adeguata in questa fase, in cui comunque, TAC e Risonanza magnetica, e in qualche misura l’EEG, sono ancora in grado di permettere l’individuazione di questi chip, si corre il rischio di arrivare ad un punto scientifico in cui siano usati chip a DNA, strumenti invisibili a questi accertamenti, che sarebbe molto più difficile e lungo individuare con infinite e costosissime analisi genetiche. A questo aggiungiamo che nei casi di elettrodi innestati su pazienti epilettici o schizofrenici, volontari, queste persone non vengono messe in grado però di disattivare questi elettrodi qualora lo volessero, impedendo così interferenze non prevedibili di terzi.

Associazione Vittime armi elettroniche-mentali (AVae-m)
In Italia si è formata un’associazione che raccoglie tutti coloro che credono o sostengono di essere vittime di questa tortura: è l’Associazione Vittime Armi Elettroniche-mentali e si trova al sito:
www.avae-m.org/www.associazionevittimearmielettroniche-mentali.org/index….
L’associazione, alla fine di settembre 2006, è in possesso di almeno 28 casi fino ad ora censiti, complessivamente sono circa 35 i casi di persone in stato di libertà, di cui appunto 28 considerati certi dalla AVae-m. Tra questi casi, almeno 5 di persone interferite non uditivamente. Per qualsiasi segnalazione il recapito dell’AVae-m è [email protected].

Vi sono poi decine di casi censiti da Paolo Dorigo in carcere (cfr. Controinchiesta di Paolo Dorigo dal carcere, 2002-2005), più vari altri casi di probabili innesti sottocutanei durante operazioni chirurgiche su altri prigionieri politici (cfr. dvd Laboratorio Rivoluzionario Gatto Selvaggio, dibattito la cui registrazione è in rete nella pagina di relazione sulle presentazioni del libro La tortura nel bel paese), nonché il ricovero in OPG (ospedali psichiatrici giudiziari) od i suicidi a causa di torture troppo semplicemente associate al carcere in quanto tale da una certa sinistra falsamente “garantista”, sin dalla fine degli anni ’70, sia in Germania (Ulrike Meinhof ecc.) sia in Italia, di cui non si vuol dir nulla (dal caso Bonoconto, ai casi Galeotto, Valitutti, Carnelutti, F.Ferrari, ed altre/i), compreso il tentativo di internamento di Paolo Dorigo (2002), che, secondo l’AVae-m, sarebbero probabili conseguenze proprio di strumenti subliminali di tortura.

Secondo Paolo Dorigo è molto probabile che oramai ci siano solo in Italia centinaia di persone che subiscono quotidianamente tortura tecnologica (cfr. dvd presentazione La tortura nel bel paese al L.R. Gatto Selvaggio). Ricordiamo che negli USA sono stati accertati oltre 3.000 morti per questi trattamenti, che peraltro sono attuati da stalkers quasi alla luce del sole, senza contare il numero di morti nelle carceri.

Nel programma dell’Associazione vittime, esposto nel sito in 10 punti, si chiede tra le altre cose di approvare leggi e strumenti di controllo per tutti coloro che subiscono involontariamente questi trattamenti, un intervento da parte della Corte dell’Aja, il risarcimento delle vittime, l’espulsione dei professionisti e/o radiologi coinvolti dall’albo dei medici ed il processo per i responsabili, per vari reati tra i quali violenza privata, istigazione al suicidio, atti invalidanti, tentato omicidio, ecc., denunciando pubblicamente i limiti della legge sulla tortura che non prevede moratoria e leggi penali per queste armi da guerra vere e proprie, e per altri aspetti risibili (il fondo risarcimento, che permetterebbe allo Stato di splittare i processi in sede civile oltre che penale).
By Anonimo – Sab, 24/11/2007 Antipsichiatria  –  Approfondimenti
autore: (V)
Tratto da: lombardia.indymedia.org

Video da visionare per comprendere il meccanismo del FURTO dei nostri beni da parte di questi CRIMINALI a livello mondiale !

video: COMANDO GESUITI 

vedi anche: Definizione dell’ORDINE PIANO (CRIMINALI al lavoro…)

Video di Paolo Barnard, Rivoluzionario !

Rilasciate 18.000 pagine di documenti CIA sul controllo della mente
La CIA ha declassificato oltre 18.000 pagine di documenti su estensivi programmi di controllo della mente effettuati sin dai primi anni ’50.
Attraverso il Freedom of Information Act, si può ordinare questi documenti nella forma di quattro CD direttamente dal governo per soli 30 dollari US. Ecco un esempio di solo due di questi documenti tratti dall’eccellente sintesi sul controllo della mente del sito informativowww.wanttoknow.info. Con queste significative informazioni rivelatrici, abbiamo ora l’opportunità di lavorare insieme efficacemente per un futuro più luminoso.

Un documento CIA declassificato, datato 7 gennaio 1953, descrive la creazione sperimentale di personalità multipla in due ragazze di 19 anni. “Questi soggetti hanno chiaramente dimostrato di poter passare da uno stato di veglia a un controllato profondo stato H [ipnotico] via telefono, ricevendo materiale scritto, oppure mediante l’utilizzo di codici, segnali, o parole, e che il controllo degli ipnotizzati può essere trasmesso da un individuo all’altro senza grande difficoltà. E’ stato inoltre dimostrato attraverso la sperimentazione con queste ragazze che possono fungere da corrieri involontari a fini informativi.” (CIA Mori ID 190684, 1/7/53)

Un altro documento declassificato datato 10 Febbraio 1954 descrive un esperimento rilevante per la creazione di assassini inconsapevoli: “Miss [cancellato] ricevette l’ordine (avendo precedentemente espresso timore verso le armi da fuoco) di usare qualsiasi metodo a sua disposizione per svegliare Miss [cancellato] (ora in un profondo sonno ipnotico). In caso di fallimento, avrebbe dovuto prendere una pistola posta nelle vicinanze e sparare a Miss [cancellato]. Ricevette istruzioni che la sua rabbia per aver fallito nello svegliare sarebbe stata così grande che non avrebbe esitato a “uccidere” [cancellato]. Miss [cancellato] eseguì questi suggerimenti alla lettera, compreso lo sparare la pistola (scarica) contro [cancellato], e poi cadde in un sonno profondo. In seguito a opportuni suggerimenti, furono entrambe svegliate. Miss [cancellato] negò in modo assoluto che la suddetta sequenza fosse realmente avvenuta”. (CIA Mori ID 190691, 2/10/54)

Questi sono solo due dei molti inquietanti esperimenti che rivelano incredibili abusi di potere su ignari cittadini ormai da oltre 50 anni. Per ordinare questi documenti direttamente dal governo, andate su www.wanttoknow.info/mindcontrol10pg#ciadocs.
Le 18.000 pagine di documenti rilasciate sono solo la punta dell’iceberg. Ci sono diverse migliaia di pagine che la CIA rifiuta di rilasciare. E ci sono ancor più documenti che il direttore della CIA Richard Helms ordinò di distruggere nel 1973, quando ricevette la soffiata che ci sarebbe stata una Indagine del Congresso sulle attività CIA relative al controllo della mente.

Per ulteriori informazioni su questi e altri fatti rivelatori, andate a vedere la sintesi di due pagine sul controllo della mente su:
www.wanttoknow.info/mindcontrol.
O, meglio ancora, andate direttamente al riassunto di 10 pagine ricco di informazioni su www.wanttoknow.info/mindcontrol10pg.
Per capire perché questi fatti non stiano ottenendo vasta copertura mediatica, e per idee su ciò che possiamo fare a questo proposito, andate suwww.wanttoknow.info.
Se questi fatti fossero stati riportati nelle notizie da prima pagina alle quali appartengono, i cittadini attenti al sociale sarebbero rimasti sbalorditi e avrebbero preteso di saperne di più. Questo non è accaduto, motivo per cui ci sentiamo obbligati a fornirli in questa sede.

L’intero sito web wanttoknow.info è studiato sia per fornire una concisa, affidabile presentazione delle informazioni di importanza vitale che ci sono state tenute nascoste, sia per ispirarci a lavorare insieme per un mondo migliore. Potete contribuire immediatamente a creare la possibilità di un futuro più luminoso, educando voi stessi su questi temi vitali, e inoltrando questo messaggio ai vostri amici e colleghi, chiedendo loro di fare lo stesso.
Nel momento in cui diffondiamo questa notizia nel mondo, la pressione dell’opinione pubblica costringerà finalmente i mezzi di comunicazione a trattare questi argomenti vitali. Poi cominceremo a vedere molti cambiamenti positivi per prevenire che questo tipo di abusi si ripetano ancora. Grazie per ciò che farete. Insieme possiamo e vogliamo creare un mondo migliore per noi e per i nostri figli.

Il team wanttoknow.info è un gruppo di motivati ricercatori da tutto il mondo che redigono e riassumono importanti e verificabili fatti e informazioni che sono stati nascosti al pubblico. Potete contattarci al seguente indirizzo: [email protected]
Fonte: Rense.com – Traduzione di Erica Dellago

4 thoughts on “Controllo mentale e tortura elettronica

  1. Sono dei coglioni, ed oltre la lucidità, pazzia criminale medico-scientifica. Costoro sanno quello che fanno sulle vittime,di tali azioni criminali,da vigliacchi .
    E sicuramente attraverso il cielo avranno la peggio.

  2. Sono Elena Brobonea, vittima delle armi elettroniche dal 2007,e ippotizzo di essere vittima di gang stalking da decine di anni.
    E difficile dimostrare, ma dobbiamo farlo! Le tecnologie high-tech militare esistono e sono applicate sui innocenti nel mondo intero. I miei vicini sono coinvolti, loro entrano in casa periodicamente, quando sono tornata dall’estero la serratura era cambiata…

    • se sei realmente vittima di ganga stalking se sei passata vicino alle semaforiche o ai sistemi di videosorveglianza di negozi e centri commerciali sicuramente quest persone sono state riprese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*